Panasonic G80

de45Le CSC sono generalmente commercializzate come più piccole e più leggere delle reflex, ma il G80 ha all’incirca le stesse dimensioni e peso. Il lato positivo è che c’è una maniglia robusta e comoda e un sacco di spazio per pulsanti e quadranti. A differenza del G7, lo slot per schede ha ora un proprio compartimento sul lato, il che significa facile accesso quando si utilizza un treppiede. È notevolmente più silenzioso rispetto al G7, con un meccanismo di scatto ridisegnato che afferma Panasonic riduce anche il tremolio della fotocamera dall’otturatore.

Ci sono cinque pulsanti personalizzabili sparsi per la fotocamera, più altri cinque virtuali sul touchscreen. I pulsanti con etichetta Fn non sono così veloci da imparare come quelli etichettati con funzioni specifiche, ma offrono maggiore flessibilità per impostare la fotocamera a proprio piacimento e puoi sempre applicare i tuoi adesivi.

Inoltre, si ottengono pulsanti dedicati per la sensibilità ISO, il bilanciamento del bianco, la modalità di messa a fuoco automatica e il blocco AF / AE, oltre a una leva per la commutazione tra modalità auto singola, automatica continua e messa a fuoco manuale. Il pulsante di blocco AF / AE può essere assegnato a una o entrambe le funzioni oppure a AF ON. Questo innesca la messa a fuoco automatica e disabilitando la messa a fuoco automatica dal pulsante di scatto è possibile scegliere quando mettere a fuoco e quando scattare. Il pulsante AE / AF è un po ‘troppo spostato a sinistra per i miei gusti, anche se, soprattutto perché uso l’occhio sinistro per il mirino.

Sono presenti due ghiere di comando potenti sulla piastra superiore per l’accesso diretto alla velocità dell’otturatore e al diaframma nella modalità di esposizione manuale. È possibile accedere alla compensazione dell’esposizione premendo il pulsante Fn1 sulla piastra superiore e ruotando la ghiera di comando posteriore. Ho trovato questo un pò imbarazzante quindi l’ho assegnato in modo permanente alla ruota posteriore. È comunque tornato al tempo di posa in modalità di esposizione manuale, tuttavia, con la ghiera di comando anteriore assegnata al diaframma.

Sull’altra parte della gobba del mirino è presente un quadrante della modalità di guida dedicato, che include le consuete opzioni single, burst e autoscatto, più tre inusuali. La prima è la modalità Intervallo, che consente di accedere alle modalità di animazione time-lapse e stop-motion di Panasonic: in time-lapse, la telecamera supporta velocità di acquisizione comprese tra un fotogramma al secondo fino a una ogni 99 minuti; la modalità stop motion acquisisce automaticamente a intervalli di massimo 60 secondi ma consente di avanzare manualmente sul fotogramma, sia sulla fotocamera che su Wi-Fi con l’app companion. Supporta anche lo skin skinning, in cui il fotogramma precedente viene sovrapposto per aiutare con l’animazione. Entrambe le modalità possono convertire sequenze di fotogrammi in video 4K o 1080p al termine dell’acquisizione.

La seconda modalità è la Foto 4K, che sfrutta la risoluzione da 8 megapixel di ciascun frame video 4K per fornire una modalità burst a 30 fps. Un video è registrato per la durata della raffica e puoi tornare indietro e selezionare un fotogramma da salvare come foto dopo l’evento. Non sei limitato alla cattura widescreen: i video vengono registrati con qualsiasi proporzione selezionata, ma l’output è solo JPEG, con velocità dell’otturatore fino a 1/30 e velocità ISO fino a 6400.

La terza modalità sul quadrante è Post Focus, e funziona in modo simile, registrando un video mentre passa attraverso il fuoco in una scena. Dopo l’acquisizione, puoi toccare lo schermo per scegliere su quale parte mettere a fuoco. Il G80 fa un ulteriore passo avanti, con la possibilità di combinare gli scatti usando una tecnica chiamata messa a fuoco in modo che un’area più ampia o l’intera scena siano perfettamente a fuoco. Mentre la possibilità di scegliere su cosa concentrarsi dopo l’evento è un po ‘divertente, la capacità di rendere tutto più nitido ha un grande potenziale per la fotografia macro e di prodotto. Ha prodotto risultati un po ‘strani quando si seleziona una gamma di aree da mantenere nitide, ma la modalità Auto mantiene tutto perfettamente funzionante. Ancora una volta, è limitato all’uscita JPEG da 8 megapixel con gli stessi limiti di esposizione, in quanto le foto sono tratte da un file video 4K.

Il mirino elettronico utilizza uno schermo OLED a 2,36 milioni di punti, ma è più grande rispetto al G7, con ingrandimento di 0,74x anziché di 0,7x. Lo schermo LCD si spegne automaticamente quando la fotocamera viene sollevata agli occhi, ma può comunque essere utilizzata come touchscreen per spostare il punto di messa a fuoco automatica. Questo sembra naturale ed è estremamente veloce, ed è solo leggermente sconvolto da gomitate accidentali dal naso. Tuttavia, con molta attenzione, c’è un’opzione di menu per passare dalla modalità Esatta alla modalità Offset, dove si comporta più come un touchpad portatile che come un touchscreen. Di conseguenza, i pungoli del naso accidentali si limitano a muovere il punto di messa a fuoco automatica invece di mandarla fuori rotta.

Dopo aver spostato il punto di messa a fuoco automatica, è possibile utilizzare le ghiere di comando per regolare le dimensioni dell’area di messa a fuoco automatica, che varia da un punto minuscolo a quasi l’intera altezza del fotogramma. Questa flessibilità è utile in generale, e in particolare in condizioni molto buie in cui la fotocamera potrebbe faticare a concentrarsi su un’area molto piccola. Ciò che è anche utile è che il rilevamento del volto si concentra sugli occhi piuttosto che sui volti e la precisione sia del rilevamento del volto che del rilevamento del soggetto con touchscreen è buona come quella che ho visto da qualsiasi fotocamera. Panasonic è insolito in quanto non include i punti di autofocus con rilevamento di fase sui suoi sensori, ma questo non rappresenta un problema quando fornisce uno dei sistemi di autofocus più veloci, più versatili e affidabili di qualsiasi CSC.

Le prestazioni di autofocus veloci contribuiscono anche a un notevole incremento di velocità nell’uso normale, con il G80 che impiega 0,8 secondi dall’accensione per catturare uno scatto e 0,4 secondi tra gli scatti successivi. Il mio scatto è sceso a 9.2fps nei miei test, il buffer è buono per oltre 100 JPEG e non ha mostrato alcun segno di riempimento. Passando alla modalità RAW, è stato possibile rallentarlo fino a 7,1 fps e questa frequenza è rallentata in modo significativo dopo 47 fotogrammi. Dopo aver attivato l’autofocus continuo, è stato eseguito a 6.2fps per JPEG e 5.4fps per RAW. Esistono CSC più veloci, come Sony a6300 e Fujifilm X-T2 , ma sono anche più costosi. Il G80 è abbastanza veloce per la maggior parte degli scopi e il buffer generoso significa che ha resistenza e velocità.

Tutto sommato, i controlli del G80 non hanno il lusso raffinato della Fujifilm X-T2, ma c’è più di un effetto Swiss Army Knife: pratico, completo, un pò complesso all’inizio, ma non ci vuole troppo tempo per arrivare alle prese con il modo di effettuare foto.

Il G80 Panasonic è più costoso di G7 al momento del lancio, ma questo sembra un grande passo in avanti con la sua tenuta stagna, mirino più grande, stabilizzazione del cambio del sensore e obiettivo kit posher. Il suo prezzo si colloca tra i CSC entry-level come la Canon EOS M3 e i modelli di fascia alta come la Fujifilm X-T2 , ma per molti aspetti – ergonomia, controlli, prestazioni, caratteristiche – è molto più vicino a quest’ultima e supera di gran lunga qualsiasi cosa per i video. Solo GH4 e GH5 di Panasonic offrono molto di più con il loro supporto per la risoluzione Cinema 4K, l’acquisizione al rallentatore e varie funzioni professionali come il colore V-Log e SMPTE.

Il concorrente più vicino al G80 è probabilmente il Panasonic GX80 , che costa circa € 550. È un pò più piccolo e leggero ma manca di impermeabilità alle intemperie, ha un mirino più piccolo, meno controlli fisici e un obiettivo 12-32mm relativamente di base, e per i video manca di sottigliezze come i preset Cinelike, un interruttore di messa a fuoco manuale e l’ingresso del microfono. La G80 merita di essere spesa extra.

Check Also

845

Netop Remote Control 12.77

Netop Remote Control 12.77 La sicurezza degli accessi è un problema serio quando si tratta …