Grado SR80e

gr1Le SR80e di Grado rappresentano un’anomalia nel mercato delle cuffie di oggi. Non solo sono costruiti a mano a Brooklyn, New York, ma sono orgogliosamente non tecnici. Non c’è connettività Bluetooth, nessun microfono in linea o cancellazione attiva del rumore e, grazie al loro design a schienale aperto, sono irrimediabilmente poco pratici per l’uso in viaggio o in ufficio.

Nonostante tutti questi difetti, Grado SR80e offre un’esperienza di ascolto impareggiabile al loro prezzo e rappresenta un rapporto qualità-prezzo imbattibile, sapendo cosa stai ricevendo.

La serie Prestige di Grado è in circolazione da più di venticinque anni ed è immediatamente evidente nel design delle sue cuffie SR80e. Destinati a sedersi sulle orecchie anziché su di essi, sono semplicemente costituiti da due robusti padiglioni di plastica uniti da aste di metallo a una semplice fascia in vinile.

Invece dei morbidi padiglioni presenti in molte cuffie over-ear, l’SR80e utilizza una schiuma piuttosto ruvida e leggera. Questi sono ingannevolmente comodi per la maggior parte, ma dopo un’ora o due di ascolto, di solito ho trovato le mie orecchie diventare un pò calde. Non è del tutto sorprendente per le cuffie on-ear, ma vale comunque la pena di pensare se stai cercando qualcosa per l’ascolto tutto il giorno.

Mentre l’aspetto retrò e alla moda è piuttosto alla moda, il rovescio della medaglia è che le cuffie non si sentono robuste e non sono particolarmente pratiche. Il cavo, ad esempio, è un grosso filo non staccabile che si collega direttamente a ciascun padiglione auricolare e, sebbene i padiglioni auricolari possano ruotare di 360 gradi, non c’è modo di piegare le cuffie per riporle.

Il fatto che non ci sia connettività wireless o microfono non è un affare per questo tipo di cuffie, ma ciò che dovrebbe essere in cima alla lista delle considerazioni prima di acquistarle è il loro design aperto. Sebbene ciò svolga un ruolo significativo in quanto suonano bene, soprattutto significa che perdono una quantità significativa di suono – anche a volumi moderati – e bloccano pochissimo rumore ambientale.

Ciò li esclude per un gran numero di scenari in cui potresti scegliere di ascoltare le cuffie, dai voli in aereo al lavoro in un ufficio condiviso e persino a piedi per strada. Infatti, a meno che tu non abbia intenzione di ascoltarli in una stanza tranquilla da solo, stai meglio cercando altrove. Le alternative chiuse come Audio-Technica ATH-M40x o ATH-M50X sono molto più pratiche per l’ascolto generale.

Qualità del suono

Detto questo, l’ascolto in una stanza silenziosa è esattamente il motivo per cui dovresti acquistare Grado SR80e, perché si esibiscono con enfasi in questo senso. Non è un’esagerazione affermare che queste cuffie suonano bene quanto i modelli che costano tre o quattro volte il prezzo.

In particolare, i Grados offrono un brillante livello di dettaglio attraverso le frequenze medie e alte – un tratto comune delle cuffie Grado – ma il loro design a schienale aperto consente loro di offrire un suono tanto energico e vivace quanto avvincente.

Alle mie orecchie, le cuffie suonano in modo eccellente con tutti i generi di generi musicali, che siano rock, elettronici o classici e offrono una buona dose di bassi controllati per integrare quei registri superiori di spicco. Il suono non è così ampio come alcune cuffie over-ear a dorso aperto, ma c’è un’energia e un senso dello spazio che semplicemente non troverai sulla maggior parte dei modelli con dorso chiuso, anche a volumi più bassi.

In effetti, l’unica critica che si può livellare al Grados è l’importanza di quelle frequenze medie e alte. Sebbene sia per un ascolto accattivante, è una firma sonora che a volte può essere stancante con alcuni tipi di musica. L’SR80e non è certo un ascolto rilassato, ma non è previsto.

Check Also

de45

Panasonic G80

Le CSC sono generalmente commercializzate come più piccole e più leggere delle reflex, ma il …