Google Home Hub

vfgt5Home Hub di Google è alimentato dallo stesso assistente virtuale che aiuta con le attività quotidiane sia sul tuo smartphone Android sia sulla gamma di altoparlanti intelligenti dell’azienda. L’unica differenza è che, essendo accompagnato da un display touch-screen da 7 pollici, può presentare informazioni sullo schermo, sia che si tratti delle previsioni del tempo, degli eventi imminenti o delle indicazioni di Google Maps.

Come puoi immaginare, puoi utilizzarlo per riprodurre musica e video di YouTube e può anche mostrare le istruzioni di cucina e visualizzare i tuoi scatti migliori da Google Foto. Tuttavia, la sua funzionalità non si ferma qui. Il vantaggio principale che l’Home Hub conserva rispetto alle controparti degli altoparlanti intelligenti è Home View, che ti consente di gestire tutti i tuoi dispositivi intelligenti (luci, termostati, fotocamere, dispositivi multimediali e così via) da un menu a discesa.

Infine, ma non meno importante, puoi anche utilizzare l’Home Hub per effettuare chiamate audio gratuite a cellulari e telefoni fissi. Può anche effettuare videochiamate, anche se il destinatario non sarà in grado di vederti (puoi vederli) perché Google ha deciso di non includere una videocamera. A seconda delle tue opinioni sulla privacy, potrebbe essere una buona o una cattiva cosa, ma almeno non devi mai preoccuparti dello schermo intelligente che cattura immagini imbarazzanti.

Progettazione

Quando abbiamo tolto per la prima volta Google Home Hub dalla scatola, non abbiamo potuto fare a meno di pensare che assomigli a una tavoletta da 7 pollici incollata su una grande pietra pomice. Tuttavia, nonostante la sua apparenza, il tablet non è rimovibile e la parte posteriore color pietra, color gesso, è in realtà un altoparlante che funge anche da supporto.

Anche se è improbabile che vinca qualche premio di design, l’Home Hub non è un dispositivo dall’aspetto cattivo e, grazie alle sue dimensioni ridotte e al suo ingombro, può essere facilmente sistemato su qualsiasi comodino, piano di lavoro o credenza senza essere invadenti. In effetti, quando lo guardi in posizione quadrata, puoi solo vedere lo schermo del Home Hub e non il diffusore leggermente di forma strana dietro di esso, rendendolo simile a qualsiasi altra piccola cornice digitale.

Sulla sua cornice, lo schermo dell’Home Hub dispone di un array a due microfoni per rilevare la tua voce, ma non c’è una telecamera. Invece, al centro c’è un sensore di luce che consente all’Hub Home di alterare la luminosità del display e il punto bianco in base alla luce ambientale nella stanza.

Google chiama questa funzione Ambient EQ e in pratica funziona molto bene, riducendo la luminosità nella misura in cui ti verrebbe spinto a sapere che le immagini sul display non erano stampe. Questo è ottimo per assicurarti di non avere troppa luce blu che colpisce la parte posteriore delle tue retine durante la notte, ma in ambienti più bui, le foto possono spesso apparire come tratte da un ulteriore controluce. Se trovi che questo è il caso, c’è un pratico strumento di compensazione della luminosità automatica nell’app Home o puoi disattivare Total EQ.

Per quanto riguarda il display 7in, Google non elenca la sua risoluzione sulla pagina Web dell’Home Home.Si tratta di una risoluzione piuttosto bassa rispetto all’8in Smart Display di Lenovo, che ha uno schermo con risoluzione di 1.280 x 800 ed è alla pari con Amazon Echo Show di prima generazione. Pertanto, le foto non appaiono mai nitide come nel tuo smartphone o tablet, ma visto che visualizzerai l’Home Hub da più lontano, è meno probabile che tu lo noti. Inoltre, compensa l’assenza di nitidezza con colori ricchi e precisi e solidi livelli di contrasto.

Aspetti tecnici

La maggior parte degli aspetti interessanti dell’Hub Home avviene tramite lo schermo, ma la sua interfaccia principale è piuttosto semplice, visualizzando solo le informazioni meteo e gli eventi imminenti nella prima pagina. Swiping mostra i suggerimenti di Spotify e YouTube, insieme a “Top stories for you”, anch’essi provenienti da YouTube. Il display intelligente ha anche due carte persistenti che mostrano suggerimenti per altre cose che puoi fare con il tuo Home Hub.

Per aprire la Home View, che ti consente di controllare luci, media, termostato e videocamere da un unico punto (oltre a consentire l’invio di “Trasmissioni” agli altri diffusori Home), scorri semplicemente dall’alto verso il basso nella parte superiore dello schermo tempo. Abbiamo utilizzato l’Home Hub solo con altri dispositivi Google finora, come Chromecast e Chromecast Audio (lo utilizzeremo presto con luci e videocamere intelligenti), ma è già ovvio che renderà la vita molto più semplice. È anche utile non dover ricordare il nome esatto di tutti i tuoi dispositivi intelligenti.

A parte questo, tuttavia, sei ancora incoraggiato a controllare l’Home Hub usando la tua voce – e quando lo fai, diventa subito chiaro quanto ha da offrire rispetto ai suoi fratelli senza display. Per esempio, chiedi quanto è freddo al di fuori, e l’Home Hub darà una risposta verbale, ma descriverà anche le previsioni del tempo per le prossime sei ore in una grafica a prova di occhio. E quando chiedi quanto tempo ci vorrà per guidare da qualche parte, l’Home Hub può illustrare le aree interessate da un cattivo traffico e ti consente di espandere la mappa per esaminare il percorso in modo più dettagliato.

Un’altra caratteristica interessante è la possibilità di trovare ricette e seguire le istruzioni passo-passo sullo schermo, ma è anche possibile vedere i timer del conto alla rovescia, i calcoli, le traduzioni e gli elenchi di cose da fare sullo schermo.

Purtroppo, sebbene l’Home Hub si vanta di poter riprodurre la TV in diretta, sono rimasto deluso dal vedere che funziona solo su YouTube. Incrociando le dita vedremo BBC iPlayer, Netflix e altri servizi aggiunti a tempo debito.

Nei termini più semplici, avere uno schermo ti aiuta a prendere decisioni. Dove normalmente dovresti sapere ciò che desideri ascoltare e istruire il tuo oratore di Google Home, l’Home Hub offre il lusso delle raccomandazioni. Dì “OK Google, apri Spotify”, ad esempio, e mostra un numero di album e playlist basati sul tuo ascolto recente.

Forse la cosa che preferisco di Home Hub, però, è il modo in cui si interfaccia con Google Foto. Insieme a varie altre opzioni, l’app per dispositivi mobili di Google Home ti consente di mostrare gli album di Google Foto sull’hub di casa (oltre all’ora e al meteo) quando non è in uso. È una funzione molto simile a quella presente su Chromecast, tranne per il fatto che è probabile che tu possa vedere le tue foto sull’Hub Home perché il display è sempre acceso.

Potrebbe sembrare banale, ma con chiunque scatti più foto che mai, è incredibilmente facile non rivisitarli mai. Essere in grado di mostrare i tuoi scatti preferiti in uno slideshow senza fine con il semplice tocco di un pulsante garantisce che non è il caso. E a differenza dei vecchi fotogrammi digitali, è possibile modificare le immagini mostrate dall’Hub Home con il semplice tocco di un pulsante, evitando di usare memory stick e schede SD.

Qualità del suono

Come ci si aspetterebbe da un dispositivo da circa €150 con un ingombro così ridotto, la qualità del suono dell’Home Hub non ti lascerà a bocca aperta. Detto questo, per le sue dimensioni è abbastanza decente ed è un buon passo avanti sulla Home Mini. Anche se c’è ancora una netta mancanza di bassi, le frequenze medie e alte sono belle e chiare fino al 70% del volume. Oltre a questo, il suono non si distorce troppo ma diventa semplicemente troppo duro per ascoltare l’ascolto.

Conclusioni

A parte qualche piccolo problema con il modo in cui il suo software funziona – sembra impossibile cancellare manualmente le ricette e i video con cui hai finito, la mia esperienza complessiva con l’Home Hub è stata estremamente positiva.

Passando rapidamente attraverso la sua interfaccia, all’inizio potrebbe non sembrare offrire una grande quantità, ma sono certo che questa è una decisione deliberata di Google per evitare di sfumare le linee tra smart display e tablet e complicare eccessivamente l’Home Hub in questa fase iniziale. il suo sviluppo.

Dopo tutto, realizza tutto ciò che si propone di fare, per rendere più facile l’interazione con l’Assistente Google e per controllare tutti i tuoi dispositivi intelligenti da un’unica posizione. Considera il suo prezzo basso e che raddoppia anche come una splendida cornice digitale, ed è impossibile non raccomandarlo come nostro selezionatore di altoparlanti Home di Google.

Check Also

fght6

AMD Ryzen 7 3700X

Ryzen 7 3700X utilizza otto core fisici e 16 thread totali, con una velocità di …