Garmin Vivosmart 4

Garmin Vivosmart 4

sd3Garmin Vivosmart 4, l’ultimo fitness tracker di Garmin, migliora il suo predecessore aggiungendo una serie di nuove funzionalità. Il principale è il nuovo sensore “Pulse OX” che misura i livelli di saturazione di ossigeno nel sangue. Anche se non è approvato dal punto di vista medico, la tecnologia può aiutarti a capire meglio cosa sta succedendo al tuo corpo, specialmente durante il sonno.

L’altra caratteristica principale è che l’indossabile può calcolare le risorse complessive del tuo corpo – la misurazione “Batteria corporale” – in modo da sapere quando esercitare e quando riposare; una funzionalità utile per principianti e appassionati di fitness.

È giusto dire che queste sono caratteristiche piuttosto sofisticate per un indossabile che costa poco più di € 100. In combinazione con il suo design sottile e leggero e il fatto che offre praticamente tutto il necessario per diventare una versione più adatta di te stesso, Vivosmart 4 è una scarpa per un premio consigliato.

Il design di Vivosmart 4 non si discosta troppo dallo stereotipo del fitness tracker in quanto è costituito da un cinturino in gomma con un piccolo display OLED touchscreen. A differenza del suo predecessore, il display ha finiture decorative in metallo che lo circondano e c’è anche un pulsante dedicato sensibile al tocco di seguito.

Personalmente, non penso che questo assetto aggiunga qualcosa in termini estetici, ma sul modello nero è abbastanza sottile da non doverti scoraggiare attivamente. Per quanto riguarda il pulsante di tocco dedicato, questa è un’aggiunta molto utile. Dove prima i tracker di fitness Garmin utilizzavano i pulsanti sullo schermo che mangiano nello spazio reale dello schermo, con Vivosmart 4 c’è più schermo disponibile per visualizzare i dati che devi vedere.

Navigare nei menu può sembrare un po ‘complicato di tanto in tanto, almeno fino a quando non si ha familiarità con l’interfaccia e, a causa del suo design ristretto, non tutto si adatta perfettamente allo schermo come si desidera. Le notifiche, ad esempio, vengono ruotate di novanta gradi in modo che scorrano verticalmente sullo schermo anziché orizzontalmente.

Tuttavia, abbiamo trovato lo schermo di Vivosmart 4 facile da leggere in tutte le condizioni e, grazie alla sua impostazione di auto-luminosità, è possibile controllarlo felicemente nel cuore della notte senza essere abbagliato. Per preservare la durata della batteria, lo schermo si spegne quando non è in uso, ma è facilmente attivabile con un semplice movimento del polso o un doppio tocco fisso.

Malgrado il cramming in più sensori che mai (più su quelli sotto), l’alloggiamento del sensore della frequenza cardiaca è a filo con l’involucro posteriore del tracker. E, per quanto riguarda il comfort, Vivosmart 4 è sottile e leggero, tanto che se indossi un cappotto o una camicia a maniche lunghe, probabilmente ti dimenticherai che lo stai indossando completamente.

Caratteristiche

Senza GPS o anche con il GPS collegato – ecco dove un fitness tracker utilizza la radio GPS del tuo telefono per tracciare la tua posizione – il Vivosmart 4 è rivolto principalmente agli utenti che vogliono essere più in forma e hanno approfondimenti sui loro progressi senza preoccuparsi dei dettagli più fini come quanto tempo hanno rasato la loro ultima corsa di 5k. E, per molti versi, è meglio per questo.

La nuova funzionalità principale, Body Battery, è al centro di tutto. Calcolato utilizzando una combinazione di dati, tra cui variabilità della frequenza cardiaca, livelli di attività e qualità del sonno, Body Battery ti dà un punteggio tra 1 e 100 per dirti quanto hai lasciato nel serbatoio in termini energetici in un dato momento.

Sulla base di queste informazioni, puoi valutare se sia una buona idea allacciare le scarpe da corsa o se faresti meglio a prendertela comoda. Questo è il tipo di dati che è utile per coloro che assumono un nuovo regime di fitness come per quelli che lo hanno fatto per anni.

Anche se la tecnologia è ancora agli inizi, dopo aver indossato il tracker per alcuni giorni, i numeri generalmente coincidevano con quello che provavo e quanto ero stato attivo. Aggiornerò questa recensione nelle prossime settimane una volta che avrò avuto la possibilità di vedere come Body Battery risponde a allenamenti più lunghi e più intensi e quantità di sonno più brevi ma, finora, sembra una soluzione elegante per interpretare il tumuli di dati lanciati da atleti di fitness.

E, solo perché non c’è il GPS, non significa che Vivosmart 4 non sia adatto per il monitoraggio degli allenamenti. Ci sono applicazioni integrate per camminare, correre, allenamento per la forza, cardio, nuoto in piscina, yoga e altro ancora. L’unica omissione evidente qui è il ciclismo, ma questo è uno dei molti esercizi che la tecnologia Move IQ del tracker può rilevare automaticamente e registrare nella timeline.

Per camminare e correre, quando Vivosmart rileva che ti stai muovendo per più di un determinato periodo di tempo, automaticamente inizia un’attività temporizzata per te. Le distanze sono stimate ma con l’opzione di impostare lunghezze di falcata personalizzate, hai una visione abbastanza buona di tutte le metriche chiave che potresti mai avere bisogno come distanza, ritmo, velocità e frequenza cardiaca.

Il rilevamento delle nuotate è una nuova funzionalità della serie Vivosmart ed è un’aggiunta gradita per coloro che amano trascorrere ore a fare lunghezze nella loro piscina locale. A differenza di Fitbit Charge 3, che è limitato a mostrare la durata dell’allenamento sullo schermo, Vivosmart 4 visualizza un conteggio dei giri. Entrambe le volte che ho provato la modalità nuoto, tuttavia, questa cifra è risultata essere uno o due giri fuori ogni dieci lunghezze o giù di lì. Non è grandioso, ma puoi almeno correggerlo manualmente sia durante che dopo l’allenamento e avrai sempre un indicatore approssimativo della distanza che hai percorso.

Sensore Pulse OX

L’altra nuova caratteristica distintiva di Vivosmart 4 è il sensore Pulse OX (SPO2), una funzione presente solo negli smartwatch premium Garmin fino a poco tempo fa. Sebbene Garmin offra un disclaimer che spieghi che non deve essere usato come dispositivo medico, il sensore ti fornisce informazioni su qualcosa di irrefutabilmente di natura medica: la saturazione di ossigeno nel sangue.

A meno che non si stia facendo un’escursione in alta quota, non è chiaro perché la persona media debba controllare queste informazioni durante il giorno, ma Vivosmart 4 offre la possibilità di farlo. Le letture del 95% o superiori sono considerate normali e ogni volta che ho usato la funzione, è tornata in questo intervallo. Fin qui tutto bene.

Pulse OX può anche essere attivato durante la notte, il che ha un senso in più perché i bassi livelli di ossigeno nel sangue possono aiutare a identificare condizioni come l’apnea notturna. Sebbene il mio SPO2 medio fosse di nuovo entro il range normale, il tracker a volte registrava valori minimi compresi tra 80% e 90%. Come spiega l’app Garmin Connect, letture così basse possono essere causate da qualsiasi cosa, da una posizione allentata a una posizione distesa sul braccio e dalla limitazione del flusso sanguigno. A meno che i tuoi livelli di SPO2 non siano costantemente in questo intervallo di notte, allora, probabilmente, vengono presi meglio con un pizzico di sale.

Anche il rilevamento del sonno su Vivosmart ha ricevuto un aggiornamento, che lo rende più in linea con gli approfondimenti sulle fasi di sonno di Fitbit. Invece di registrare semplicemente il sonno profondo e leggero, il localizzatore ora misura fasi profonde, luminose e REM e puoi vedere quanto ti sei mosso in qualsiasi momento durante la notte. Anche se può essere affascinante approfondire queste informazioni (contribuisce anche ai calcoli della batteria corporale), Garmin non offre alcun dettaglio su quali siano gli intervalli normali per le diverse fasi del sonno, come Fitbit.

Prestazioni

A differenza di Fitbit Charge 3, che soffre di un display laggy e non responsivo, Vivosmart 4 è un piacere assoluto da usare. Scorrere tra gli schermi è rapido e semplice e il pulsante sensibile al tocco funziona in modo affidabile, a condizione che il display non sia coperto d’acqua, il che può essere un problema in piscina.

La sincronizzazione con lo smartphone è veloce e affidabile e le passeggiate e le corse registrate automaticamente dal tracker vengono caricate su Strava senza nemmeno dover aprire l’app (presumendo che l’abbia collegato a Garmin Connect). Anche la consegna delle notifiche funziona bene. Puoi scegliere quali notifiche dell’app vengono inviate al fitness tracker in modo da non essere costantemente bombardate e ho scoperto che arrivavano sempre puntualmente.

Per quanto riguarda la durata della batteria, Garmin promette fino a sette giorni tra una ricarica e l’altra, sebbene tale cifra scenderà di alcuni giorni se si sceglie di abilitare Pulse OX di notte. Semmai, comunque, il Vivosmart 4 sembrava superare quelle stime. Dopo tre giorni di utilizzo con Pulse OX attivato, l’icona dell’indicatore della batteria aveva ancora tre delle cinque barre piene, quindi mi aspetterei che raggiunga sei giorni con il sensore SPO2 abilitato e ancora più senza.

Check Also

de45

Panasonic G80

Le CSC sono generalmente commercializzate come più piccole e più leggere delle reflex, ma il …