Assassin’s Creed Origins

Assassin’s Creed Origins

La recensione.

creedIl nuovo eroe di Assassin’s Creed Origins è un protagonista del tutto più allegro di quanto ci si potrebbe aspettare da una videogioco con colpi di scena, pugnalare i cattivi al collo o colpire la testa con una mazza, questo potrebbe essere solo l’inizio di un videogames apprezzato ormai in tutto il mondo e disponibile in qualsiasi piattaforza e console.

Trama

Bayek, un Medjay nell’Egitto tolemaico, è un tipo di sceriffo e gentile tiratore di guai; aiutando gli abitanti del posto eliminando banditi fastidiosi o restituendo bambini smarriti che hanno vagato nelle rovine fatiscenti di antichi templi.

Bayek è affascinante perché è così fondamentalmente buono , adempiendo al ruolo di videogioco che ha sempre avuto il tempo nell’aiutare qualsiasi problema nelle vicinanze, perché questo è il suo compito. E uno che fa con un orgoglio raggiante inusuale. Insolito anche perché contrasta con una sete furiosa di vendetta, dando la caccia senza pietà agli uomini che hanno assassinato suo figlio e infierendo contro il dispotico re egiziano Tolomeo XIII.

Quindi tu hai una classica motivazione di furia e vendetta, perlustrando la terra per dare la caccia a questi cultisti mascherati che ha segnato per la morte, ma contro un sentimento pieno di valore e orgoglio. Un uomo con cui sei felice di trascorrere del tempo. Anche se la simpatia può essere una nozione più complicata per un eroe di videogiochi di qualsiasi altra cosa.

Bayek è la protagonista di Assassin’s Creed Origins in più di un modo. Anche se ha un sacco di concorrenza in questo eccellente ritorno alla forma per la serie. C’è sua moglie Aya, una donna feroce e complessa che inviterò Ubisoft a dare la sua avventura. O Cleopatra, la famosa, sensuale e acuta sorella del regnante Ptolemy, con cui Bayek si allinea per abbattere il suo connivente fratello.

Soprattutto, Bayek si contende lo splendido parco giochi egiziano all’interno del quale svolge il suo lavoro. Questa è l’impostazione migliore di Assassin’s Creed in una lunga storia di impostazioni eccellenti. Una mappa tentacolare di deserti ondulati, città meravigliosamente dettagliate e fattorie, grotte, templi e, naturalmente, le imponenti piramidi di Giza. E, sì, puoi parcheggiare su di loro.

Tutto questo fa sì che la giocabilità di questo gioco sia ricca di colori e dettagli ad ogni svolta della testa. Ogni volta che abbatti una delle sue dune di sabbia dorata, la vista sottostante riprende fiato. Vivide palme verdi che punteggiano la sabbia, barche a vela che navigano su acque luccicanti, edifici costruiti in modo complicato – dai bagni alle arene cavernose – che fungono da centri per le città tentacolari.

Avvicinati e tutto si muove; una rappresentazione impegnata e convincente di una civiltà in crescita. Un melting pot di influenza greca, romana e locale egiziana. L’anno prossimo, Ubisoft pubblicherà una patch che trasformerà l’Egitto delle origini in un museo educativo che sei libero di esplorare e assorbire. Con tale dettaglio e ampiezza, la fiducia nel trasformare il proprio parco giochi in un museo non è infondata.

Ma per ora abbiamo cattivi da cacciare e misteri da risolvere. Molto è stato fatto della decisione di Ubisoft di rompere Assassin’s Creed dal suo ciclo di rilascio annuale , per dargli spazio per riflettere e respirare. Oltre a questa impostazione, puoi dire che il tempo è stato speso per capire che tipo di gioco vuole essere Assassin’s Creed. Origins compie un passo importante per essere un RPG completo. È un’identità con cui sembra perfettamente a suo agio.

Mentre molte delle Origini nuove caratteristiche sono aspetti di altri giochi che sono stati assorbiti, più che sorprendenti nuove idee proprie, indossa le sue influenze con fiducia. Saccheggiare e trovare armi è una parte importante dell’avventura, Bayek si sposta tra lame più veloci e roulotte, trovando equipaggiamento più raro e più potente ad ogni livello. Un albero delle abilità offre abilità dalla furtività migliorata, attacchi più potenti e il gadget dispari.

È una scelta naturale per Assassin’s Creed. È una serie che è alquanto famigerata per il bloat, e mentre Origins è vasta e complessa a suo modo, si sente più concentrata. Una combinazione dell’orgoglio di Bayek e il fascino dell’esplorazione, dell’auto-miglioramento e della nuova attrezzatura conferiscono a ciascuna missione e significato di attività. Soprattutto se paragonato alla banale checklist delle voci più recenti.

E’ un peccato, quindi, che le missioni e le attività stesse in qualche modo mancano per l’immaginazione. Si allarga brillantemente in punti – infiltrandosi in uno stabilimento balneare, indagando su una morte misteriosa, prendendo parte a razze di carri – ma alcuni di loro sono sulla falsariga di assaltare un’area e di salvare alcuni sfortunati prigionieri. Con un gioco così lungo, si nasconde il pericolo che le esfiltrazioni si sentano come un grind. Per motivi di ampiezza, Origins non può sempre rimanere fresco.

Fortunatamente la meccanica di questi scontri sono molto migliorata rispetto Credo solita mischia combattimento Assassin. Il combattimento di Bayek è molto più organico, con nemici dotati di hitbox appropriati e hai bisogno di girare, bloccare e strategizzare. È ancora più sconcertante di quanto tu possa sperare, e non disturberà i re del combattimento in terza persona in qualunque momento presto, ma si sente pesante e naturale. È aiutato da quel sistema di bottino, con la varietà di armi che offre approcci veramente diversi. E un rapido turnover significa spesso che stai fluttuando tra le attrezzature per mantenere le cose interessanti.

Aggiungete a questo una linea sottile in infiltrazione furtiva, incluso essere in grado di esplorare aree con l’aquila leale di Bayek Senu e una grande varietà di archi, e il set di strumenti a vostra disposizione è il più vasto Assassin’s Creed.

Una dichiarazione che riesce ad applicarsi al gioco nel suo insieme. Le origini non riescono a scuotere completamente alcune di quelle cose di Assassin’s Creed, può ancora essere bacato e un po’ gonfio, ma conserva anche molto di ciò che ha reso popolare la serie in primo luogo. Un’affascinante ambientazione storica, azione a portata di mano e intrighi in abbondanza. Per la prima volta dopo un po ‘, tuttavia, è stato costruito in modo intelligente e coinvolgente. In Bayek e nella gloriosa ambientazione egiziana, Origins è la più potente esplorazione della storia di Assassin’s Creed fino ad oggi. E il segno più promettente per il suo futuro.

Check Also

de45

Panasonic G80

Le CSC sono generalmente commercializzate come più piccole e più leggere delle reflex, ma il …

One comment